©2018 Floema SRL

Privacy Policy Cookie Policy
Ti trovi qui:Home»I Giardini Verticali Naturali»La Storia dei Giardini Verticali

La Storia dei Giardini Verticali

Patrick Blanc è un botanico parigino noto per ave inventato il giardino verticale: un sistema per donare alle città distese di verde anche dove di spazio non ce n’è. E’ diventato famoso in tutto il mondo e tante sono le archi-star con cui ha collaborato nel corso della sua carriera.

Il suo primo intervento di muro vegetale, risale al 1994, quando presentò per la prima volta una sua creazione al Festival International des jardins di Chaumont-sur-Loire. La sua invenzione incuriosì, entusiasmò ed appassionò a tal punto che Jacqueline Nebout, allora responsabile del Servizio Parchi e Giardini del municipio di Parigi, richiese la realizzazione di un muro vegetale per il Parc Floral del Bois de Vincennes. Dopo la prima volta, non si è più fermato, e oggi Blanc continua a seminare piante in verticale in tutto il mondo ostentando con disinvoltura sfumature “verde vegetale” tra i capelli biondi. Le opere di Blanc non si fermano ai parchi: ben presto le sue creazioni invadono la città di Parigi e rendono verdi anche gli interni di eleganti boutique, pareti di importanti edifici come l’Orangerie del Palais du Luxembourg e gli alberghi. E dopo essersi affermato a Parigi lavora in tutta la Francia, e poi in tutto il mondo.

Oggi esistono diversi giardini verticali, realizzati da diverse aziende, per progetti non solo di Patric Blanc, ma di molti altri architetti.
Alcuni hanno messo a punto un sistema modulare che prevede la pre-coltivazione delle piante ed un assemblamento in opera a secco, tipico delle facciate ventilate.
Altri hanno studiato sistemi con particolari substrati di coltivazione che migliorano la resa dell'acqua, garantendo un risparmio in termini di consumi d'acqua notevole, fino ad arrivare a vere e proprie pareti verdi fai-da-te, realizzate con bottiglie di plastica riciclate o bancali di legno.

L'importante è non dimenticare che anche una parete rivestita di edera rampicante può essere un giardino verticale con molti dei benefici tipici di un giardino verticale, e che ogni progetto di verde verticale può essere risolto con molteplici soluzioni di realizzazione pratica.

L'obiettivo comune di un giardino verticale, a nostro avviso, dovrebbe essere quello di migliorare sia l'aspetto estetico che le caratteristiche tecnico-funzionali degli edifici. Ed è proprio su questo ultimo punto che si dovrebbe focalizzare l'attenzione dei progettisti quando decidono di inserire un giardino verticale all'interno di un proprio progetto, sia esso un giardino indoor che outdoor. L'aspirazione è di poterlo considerare un vero elemento di progettazione per l'involucro edilizio, e non un mero elemento decorativo.

Se hai bisogno di informazioni aggiuntive
visita la nostra Sezione FAQ oppure non esitare a contattarci.